Al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti;

Alla Sindaca di Roma Virginia Raggi;

Al Presidente dell’Ente Parco Appia Antica Mario Tozzi.

Roma, 17 dicembre 2018

Oggetto: situazione di pericolo del fiume Almone a causa delle dighe di rifiuti che bloccano il normale deflusso delle acque.

Gentili signori,

con la presente l’associazione di volontariato Comitato per il Parco della Caffarella comunica alle SS. LL. la situazione di grave pericolo rappresentato dall’intasamento del fiume Almone, l’asse idrico principale del Parco Regionale dell’Appia Antica, nella Valle della Caffarella e ai Sette Acquedotti, entrambe aree situate nel Comune di Roma ed entrambe autentici scrigni del Parco Regionale dell’Appia Antica.

Le recenti precipitazioni hanno infatti creato trascinamenti di vegetali e plastiche che si sono arrestati in prossimità dei ponti in Caffarella (all’altezza del laghetto, nei pressi di via Macedonia, si confronti prima foto) e ai Sette Acquedotti al ponte fra le due ferrovie su viale Appio Claudio (si confronti seconda foto).

Come documentato dalle foto che alleghiamo si tratta in entrambi i casi di numerose tonnellate di rifiuti che non è possibile eliminare con interventi di volenterosi, come ad esempio quelli effettuati dalla nostra associazione di volontariato negli ultimi due anni (si confronti 3° foto), ma l’intervento, stante la mole dei rifiuti, necessita di un braccio meccanico per l’asportazione degli stessi e di un camion per il loro trasporto.

Pertanto sollecitiamo le SS.LL. ad un tempestivo intervento in quanto i rifiuti hanno formato in entrambi i casi autentiche dighe che limitano molto il deflusso delle acque e, che, in caso di ulteriori forti precipitazioni, causerebbero inevitabilmente la tracimazione del fiume con i danni all’ambiente e i rischi alle persone.

Certa che le SS. LL vorranno tempestivamente intervenire, inviamo distinti saluti

 

La presidente- Rossana De Stefani

Total Page Visits: 3831 - Today Page Visits: 1