Newsletter Giugno 2018

2018-06-09T14:13:25+00:009 giugno 2018|Categories: Newsletter|Tags: |

Cari amici Caffarellari, di seguito le consuete notizie sul nostro Parco.

L’8 maggio abbiamo effettuato l’assemblea di fiume per l’Almone, organizzata dai promotori e cioè il Comitato per il Parco della Caffarella e gli Enti Parco dell’Appia Antica e dei Castelli Romani. L’assemblea è andata bene, ormai tutti i Comuni, tranne quello di Ciampino, hanno aderito. La situazione del fiume è migliorata rispetto al passato, ma permangono scarichi soprattutto al mattino. Su questo stiamo facendo pressioni sui vari Enti anche perché l’Italia è stata multata dalla CEE per non aver effettuato la depurazione degli impianti fognari. Presto inoltre andremo in Procura a verificare l’andamento della nostra megadenuncia protocollata 2 anni fa.

 

Il 14 maggio c’è stata all’università “Sapienza”, Facoltà di Lettere e Filosofia, la presentazione dello splendido libro di Rachele Dubbini La valle della Caffarella nei secoli, realizzato grazie al contributo dell’associazione L’Italia Fenice e al sostegno della nostra associazione. Chi volesse averne una copia la può trovare al casale Vigna Cardinali.

Ora vi raccontiamo ciò che è accaduto di recente nell’incontro, da noi sollecitato da tempo, che abbiamo avuto in Assessorato all’Ambiente il 24 maggio. L’incontro verteva sui seguenti punti.

  1. discussione sul progetto di sistemazione della Caffarella da 1.599.000 euro
  2. aree espropriate e lasciate dal 2007 in detenzione precaria agli ex proprietari benestanti.

Erano presenti tutti i tecnici che stanno redigendo il progetto di sistemazione della Caffarella, l’Assessorato all’Ambiente, il Servizio Giardini, l’Assessorato al Patrimonio, il VII Municipio, L’Ente Parco e noi. Punto 1 all’o.d.g.

Le architette responsabili hanno illustrato il progetto dei lavori in Caffarella, sul quale collaborammo a suo tempo, che in estrema sintesi consiste in:

spostamento del cancello di via Segesta e rifacimento del sentiero di accesso al parco; sistemazione ingresso al parco da via Centuripe; realizzazione nuovo cancello al parco su via Macedonia; sistemazione recinzione via Mondaini; realizzazione rampa di accesso da via Mondaini ai giochi di via Latina; nuova recinzione all’area giochi via Latina e piantumazione alberi per ombreggiatura dei giochi; entrata carrabile per le autoambulanze da Largo Tacchi Venturi; sistemazione dell’ingresso al parco da via Bartoloni in quanto c’è uno scorrimento di acque meteoriche che allagano la strada; sistemazione della strada in prossimità del casale della Vaccareccia; sistemazione del percorso che porta a S. Urbano; sistemazione del terrapieno di S. Urbano; sistemazione di vicolo S. Urbano; sistemazione del ponte presso via dell’Almone; sistemazione dell’ingresso al parco da via dell’Almone.

Come vedete grandi lavori a cui noi abbiamo aggiunto:

  • L’accessibilità ai disabili di tutti gli ingressi;
  • La deviazione delle acque meteoriche che allagano la zona di fronte a via Bartoloni;
  • La sistemazione dello stradello di accesso carrabile al casale Vigna Cardinali da via Vigna Fabbri.

Abbiamo sollecitato che, entro i primi di settembre 2018, venga indetta la conferenza dei servizi per arrivare entro dicembre al progetto esecutivo e far partire la gara nel 2019. Se tutto procederà in questo senso alla fine del 2019 i lavori saranno completati e tutti noi non potremo che gioirne.

 

Si passa al 2° punto all’0.d.g. Aree della Caffarella su via Appia Antica, espropriate nel 2005 e lasciate in detenzione precaria dal 2007, agli ex proprietari benestanti (si confronti planimetria)

Dopo una premessa su ciò fatto dal Comitato nello scoprire questo autentico abuso, sono state esaminate le varie situazioni. Ecco in sintesi cosa abbiamo saputo e cosa abbiamo sollecitato:

Vivaio Idea verde – via Appia Antica 27:

il Comune ha interrotto la detenzione precaria, si va verso un affitto in quanto il vivaio non contrasta con il parco. Nella stessa area insiste un signore che possiede un vivaio di piante grasse e 200 tartarughe, verrà convocato per trovare una sistemazione alle piante e agli animali.

Sepolcro di Geta – via Appia Antica 41.

il Comune ha interrotto la detenzione precaria . La ex proprietaria ha fatto opposizione al rilascio del bene. Si è in attesa della risposta dell’avvocatura comunale per l’allontanamento della ex proprietaria.

Hyundai: via Appia Antica, 43-45.

il Comune ha interrotto la detenzione precaria. L’ex proprietario ha fatto opposizione al rilascio del bene. Si è in attesa della risposta dell’avvocatura comunale per l’allontanamento dell’ex proprietario. Sono stati compiuti abusi di cui si chiede l’ordinanza in danno. Il Comitato comunica che nell’area l’archeologa Rachele Dubbini ha scoperto, da foto d’archivio, la probabile presenza del tempio di Marte Gradivo. Si mostrano le foto del ritrovamento e si sottolinea che siamo in presenza di un ritrovamento di eccezionale importanza “una piccola Pompei Romana”, così è stata definita dagli archeologi, per cui si sollecita al più presto lo sgombero per poter effettuare lo scavo.

Azienda Agricola Appia Antica – via Appia Antica, 53.

Dai documenti in nostro possesso risulta che:

si tratta dell’ex opera pia Antonio e Carlo Cartoni concessa in affitto nel 1969: il lotto è di circa 87.000 mq. Dal 1977 l’ex opera pia è stata disciolta e la proprietà è passata al Comune di Roma. Nel 1987 l’affittuario subaffittava il lotto all’azienda Agricola Appia Antica s.r.l.. La Legge 203/82 prevedeva che il subaffittuario potesse subentrare all’affittuario per cui il Comune di Roma il 31 marzo 1993 concedeva in locazione all’Az

ienda agricola Appia Antica l’area in questione, con manufatti rurali, per complessivi 2.064.600 Lire annue (supponiamo che il canone non sia variato nel tempo, cioè si potrebbe pagare ancora circa 90 euro al mese per una villa sull’Appia Antica). L’area arriva fino al laghetto, realizzato dall’Ente Parco, e le mucche sconfinano in continuazione danneggiando l’area e provocando la fuga della fauna avicola.

L’Assessorato al patrimonio vuole liberare l’area e sta studiando il vecchio contratto di affitto.

Ubi Vadis – via della Caffarella, 15.

Il terreno è stato abbandonato da decenni dalla proprietà ed è prosperato un intenso abusivismo di persone e manufatti che ha deteriorato molto l’ambiente come constatato dai Vigili dell’VIII Gruppo che sono intervenuti e che hanno censito la presenza di 5 famiglie. E’ previsto l’intervento dei servizi sociali per la presenza di minori.

 

Nel corso dell’incontro il Comitato sollecita inoltre la definizione geografica del confine fra il VII e l’VIII Municipio: attualmente infatti il confine è costituito da una fogna che, oltre ad essere invisibile, risulta indecoroso (confronta Deliberazione di Giunta Comunale n. 392 dell’ 8 novembre 2013). Il Comitato chiede che il nuovo confine fra i due Municipi sia rappresentato dal fiume Almone.

 

ALTRE NOTIZIE

Il 26 maggio 2018 abbiamo effettuato la sistemazione dell’area dedicata a Silvia Irti, una nostra splendida e giovane volontaria che amava la Caffarella. L’area a lei dedicata si trova nella vallecola sottostante Largo tacchi Venturi. Nell’occasione abbiamo ricollocato la panchina restaurata, in precedenza bruciata da alcuni vandali, e sistemato l’area verde circostante.

 

Domenica 10 giugno ore 21.00: Visita guidata alle lucciole per i bambini e astronomica al cielo estivo per gli adulti. Appuntamento al casale Vigna Cardinali (per partecipare occorre la Carta Amici del Parco che si può fare al momento, costo 5 euro).

 

Come saprai siamo nel periodo di dichiarazione dei redditi e quindi se vuoi destinare il 5 per 1000 alla manutenzione del Parco della Caffarella scrivi nella denuncia dei redditi, nell’apposita casella del modello 730 (la prima in alto a sinistra “Sostegno al volontariato……”), il codice fiscale della nostra associazione di volontariato Comitato per il Parco della Caffarella

96298820588 (il rendiconto delle spese del 5×1000 del 2017 lo troverai sul nostro sito).

Prima di salutarti ti ricordiamo che se vuoi cancellarti dalla nostra lista lo potrai fare sempre e comunque, basta rispondere a questa e.mail, e che, se vuoi aiutarci, sei il benvenuto e infine che le altre notizie le potrai trovare sul nostro nuovo sito e sulla pagina facebook i cui indirizzi troverai a piè di pagina.

Saluti Caffarellari

La presidente Rossana De Stefani

1025total visits,3visits today

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi