Figura 1

Cari amici della Caffarella,
purtroppo, dopo la petizione, di dicembre, 2 PEC e una diffida di fine maggio, non abbiamo mai avuto risposte o impegni da parte dell’amministrazione di Roma Capitale in merito allo sgombero delle aree espropriate nel 2005, con accesso su via Appia Antica, ma ancora occupate dagli ex proprietari. Dobbiamo però riconoscere che questa della Sindaca Raggi è stata la sola Amministrazione che si è impegnata (seppure con molta fatica e dopo grandi sollecitazioni da parte dei noi cittadini con centinaia di e.mail inviate, una interrogazione d’iniziativa popolare, incontri, lettere, ecc.) istituendo nel 2016 un Tavolo Interdipartimentale che ha completato, a luglio 2019, tutto l’iter amministrativo calendarizzando gli sgomberi per il settembre successivo: Purtroppo a oggi ne ha effettuati solo 2 su 6 (pari a 1,5 ettari sui 14 complessivi) uno a ottobre 2019 (via Appia Antica,43-45, ex Hyundai) e l’altro a marzo 2021 (via Appia Antica, 41 parte del sepolcro di Geta). Sgomberi che però non hanno portato alla fruizione pubblica delle aree. Anzi lo scarso impegno dell’Amministrazione Capitolina ha fatto sì che addirittura, nel caso dell’area del sepolcro di Geta, fosse stata eliminata anche la psuedo recinzione in plastica che separava la parte sgomberata da quella ancora privata; dopo 4 mesi dallo sgombero non si è riusciti neppure a realizzare una recinzione corretta in pali di castagno e rete metallica (si confronti foto 1).

Per non parlare di un’altra area estremamente degradata di via Appia Antica 27 e con costruzioni abusive, ma sempre espropriata nel 2005, in cui abbiamo un sedicente allevatore di piante grasse e tartarughe a cui, nonostante il degrado, nessuno fa nulla anche se siamo in area protetta da vincoli ambientali e archeologici (si confronti foto 2).

Oppure quella di via Appia Antica, 51 dove si è in passato il Comune ha affittato 8,7 ettari di Caffarella, al prezzo di 83 euro al mese;

o anche l’area di via della Caffarella, 15 in cui sono presenti costruzioni abusive.

Ciò premesso, mentre stiamo preparando l’esposto -denuncia alla Corte dei Conti per il danno erariale patito da noi cittadini e alla Procura della Repubblica di Roma per omissione di atti d’ufficio, stiamo sollecitando tutti voi amici Caffarellari a scrivere e far scrivere una e.mail alla Sindaca di sollecitazione ultimativa. Se entro pochissimi giorni non accadrà nulla protocolleremo la denuncia. Pertanto vi invitiamo a spedire la bozza di e.mail che segue nella speranza che in tempi brevissimi qualcosa si muova.

 

Cari saluti

 

La presidente – Rossana De Stefani

Alla Sindaca Virginia Raggi

e.mail lasindaca@comune.roma.it

Gentile Sindaca,

in adesione all’invito dell’associazione di volontariato Comitato per il parco della Caffarella sollecito l’immediato sgombero di tutte le aree del Parco della Caffarella, con accesso da via Appia Antica, espropriate nel 2005 e ancora in uso agli ex proprietari, ad eliminare le situazioni di degrado ivi presidenti e a rendere immediatamente fruibili le aree sgomberate.

Distinti saluti


P.S. non c’è bisogno di firma elettronica, basta nome e cognome

Figura 2

Total Page Visits: 808 - Today Page Visits: 2